Home Page Brolo Suggerimenti Segnala Brolesi ad un amico Contattaci Chi siamo
Nome Utente:
Password:

    Home Page
    Bacheca
    Il Muretto
    Articoli
          leziioni di balli carai...
          leziioni di balli carai...
          le interviste di sgna...
          stazione fs di brolo
    Appuntamenti
    Cronaca Locale
    Cerca nel Sito
    Recensioni
    Profili Personali
    Photo Blog
    Brolesi nel mondo
    Siti Segnalati
    News
    F.A.Q.
    Scambio Banner
    Pagine Dinamiche
          Detti Siciliani
          Elezioni 2007
          Estate 2008


Un sito al giorno  Un sito al giorno....



Hai un sito personale? Un blog? O anche un sito che ti piace e che vuoi far conoscere ad altri?

Segnalacelo!


    



 


Utente: GiM

Attenzione! Per leggere tutti gli articoli devi loggarti al sito.

Nuovi elementi dal tuo ultimo accesso!  L’energia pulita del desertoinserito il 15 Lug 2007 ore 11:31
Immagine articolo L’energia pulita del deserto Abstract
Il deserto, inospitale e improduttivo, si rivela un’importante fonte di energia e di guadagno per i paesi del nord Africa. Una risorsa che sta da sempre sotto gli occhi di tutti, già presentata da ricerche scientifiche e riviste (www.scidev.net/News/index.cfm?fuseaction=readNews&itemid=3178&language=1) eccellenti, ma mai presa in considerazione seriamente, forse per la paura dei costi di installazione e di trasporto dell’energia, forse per disinteresse politico.

L’idea di trasformare il deserto in una grande centrale elettrica è appena stata riproposta da uno studio del Trec (www.trecers.net/index.html), un consorzio di ricerca per la cooperazione tra Europa e paesi del bacino del Mediterraneo nello sviluppo delle fonti rinnovabili. Un rapporto pubblicato nel giugno 2007 annuncia che in meno di 6 ore il sole dona così tanta energia al deserto quanta ne serve in un anno a tutto il mondo. In un mese e mezzo dal deserto si può ottenere tanta energia dal sole quanta quella prodotta dalle fonti fossili combustibili. Il tutto, annuncia il rapporto, a basso costo.

In base allo studio, presentato dai fisici Gerhard Knies e Franz Trieb, e commissionato dal ministero dell’ambiente tedesco, basterebbe coprire una superficie desertica pari a 160 chilometri quadrati, un’area irrisoria, se pensiamo alla vastità del deserto del Sahara, per realizzare una vera a propria svolta energetica. Un investimento che si rivelerebbe non solo produttivo, ma anche lungimirante: entro la metà di questo secolo la popolazione africana che vive affacciata sul mediterraneo raddoppierà, e il consumo energetico inevitabilmente aumenterà. Un investimento che servirebbe anche a far fronte ad un’altra esigenza strettamente legata al deserto e al fenomeno della desertificazione: quella del reperimento di acqua, che sempre più richiederà energia.

Lo studio punta sul solare termodinamico, e non utilizzando i pannelli fotovoltaici. I raggi del sole verrebbero quindi catturati da enormi specchi, che trasformano la luce in calore, fino a raggiungere una temperatura di 400 gradi. Il calore serve a riscaldare un liquido o un gas per mettere in moto delle turbine, e produrre quindi energia. Anche di notte, grazie alla “forza d’inerzia”. E con vantaggi anche indiretti: appunto la desalinizzazione dell’acqua, se vicino al mare, e anche la possibilità di avviare una parziale agricoltura, all’ombra degli enormi pannelli.

Per il trasporto dell’energia pulita, lo studio ipotizza un collegamento tra i paesi del Mediterraneo e quelli europei e del Medio Oriente, attraverso una rete fitta di impianti di connessione che prendono energia dal sole del deserto africano. Un’operazione molto meno costosa di quello che si potrebbe pensare: la previsione è di un millesimo di euro a Kwh nel 2050, grazie alle moderne linee di trasmissione a corrente continua ad alto voltaggio.

Per l’Europa sarebbe la fonte energetica più economica mai impiegata finora, con il vantaggio di non essere inquinante. La parola ora ai governi europei: avranno la volontà politica di investire sul deserto?

   


Copyright (c)2006-2020 - Brolesi.it - Tutti i diritti riservati