Home Page Brolo Suggerimenti Segnala Brolesi ad un amico Contattaci Chi siamo
Nome Utente:
Password:

    Home Page
    Bacheca
    Il Muretto
    Articoli
          leziioni di balli carai...
          leziioni di balli carai...
          le interviste di sgna...
          stazione fs di brolo
    Appuntamenti
    Cronaca Locale
    Cerca nel Sito
    Recensioni
    Profili Personali
    Photo Blog
    Brolesi nel mondo
    Siti Segnalati
    News
    F.A.Q.
    Scambio Banner
    Pagine Dinamiche
          Detti Siciliani
          Elezioni 2007
          Estate 2008


Un sito al giorno  Un sito al giorno....



Hai un sito personale? Un blog? O anche un sito che ti piace e che vuoi far conoscere ad altri?

Segnalacelo!


    



 


Utente: GiM

Attenzione! Per leggere tutti gli articoli devi loggarti al sito.

Nuovi elementi dal tuo ultimo accesso!  Giustizia, non giustizialismo!inserito il 3 Nov 2007 ore 13:47
Immagine articolo Giustizia, non giustizialismo! Abstract
Personalmente non sono intollerante, ma nemmeno tollerante a priori. Mi spiego. Ritengo che l’accoglienza debba essere alla base della società italiana (ed a mio avviso questa accoglienza c’è, anche se spesso l’onda emotivo tende a celarla), però sono consapevole che l’integrazione è bidirezionale. Da una parte l’Italia deve fornire gli strumenti per l’integrazione (che non significa solo dare loro un campo per insediarsi), ma d’altra parte loro devo avere la voglia di integrarsi e la capacità di isolare i delinquenti (presenti in tutte le società), come ha avuto il coraggio di fare la donna rumena (anch’essa Rom) e che ora vive sotto scorta per paura che i suoi connazionali (come sempre alcuni, non tutti sia chiaro) si vendichino (pazzesco che debba aver paura per aver fatto il proprio dovere di cittadina).
La Romania è oggi un paese membro dell’Unione Europea, e questo da una parte è un fatto positivo ed una ricchezza, ma dall’altra ha permesso un esodo incontrollato verso i paesi economicamente più forti (tra i quali l’Italia per i Rumeni), senza però considerare se quel paese è in grado di accogliere tutte queste persone in una volta. Inoltre, ritengo, che i primi a “fuggire” dai propri paesi sono quelli che hanno problemi con la giustizia locale, illusi (forse anche per colpa dell’immagine che l’Italia da di sé all’estero, non so) di una impunità mascherata nel nomadismo e delle condizioni di vita in cui decidono di nascondersi, anche confidando sulla solidarietà sociale dei propri connazionali.
Cercando di non limitare le libertà dei cittadini europei, lo Stato Italiano (ma non da solo, perché il problema deve essere Europeo, non solo Italiano) deve saper isolare i violenti, i delinquenti, tutti coloro che non sono venuti in Italia per lavorare (e purtroppo sono tanti e fanno molto rumore… apparendo ancora di più) per prendere le dovute contromisure. Se lo Stato non sarà in grado di far ciò, purtroppo, ci saranno sempre gruppi di cittadini poco propensi all’accoglienza del diverso, pronti a coprirsi il volto e dotarsi di spranghe per farsi giustizialismo da sé!
Ovviamente accanto allo Stato, anche le realtà sociali e civili Italiane (e quindi i singoli cittadini) devono fare la loro parte.

   





Vai al muretto... Giustizia, non giustizialismo!

Attenzione! Per poter accedere alla discussione su questo articolo devi loggarti al sito.

   


Copyright (c)2006-2020 - Brolesi.it - Tutti i diritti riservati