Home Page Brolo Suggerimenti Segnala Brolesi ad un amico Contattaci Chi siamo
Nome Utente:
Password:

    Home Page
    Bacheca
    Il Muretto
    Articoli
          leziioni di balli carai...
          leziioni di balli carai...
          le interviste di sgna...
          stazione fs di brolo
    Appuntamenti
    Cronaca Locale
    Cerca nel Sito
    Recensioni
    Profili Personali
    Photo Blog
    Brolesi nel mondo
    Siti Segnalati
    News
    F.A.Q.
    Scambio Banner
    Pagine Dinamiche
          Detti Siciliani
          Elezioni 2007
          Estate 2008


Un sito al giorno  Un sito al giorno....



Hai un sito personale? Un blog? O anche un sito che ti piace e che vuoi far conoscere ad altri?

Segnalacelo!


    






 



Eutanasia!
Solo una parola... cosa ne pensate?

Moderatore: GiM

Il muretto appartiene alla categoria Generici

Il muretto è stato visitato 953 volte
Entra elenco sezioni...
Re: Libertà di ANTIPRETE
20 Nov 2006 ore 19:18

L’INFINITO DENTRO

Ho percorso bendato
le strade che portano al nulla
senza vedere al di là
di questo cielo incorniciato.
quasi potesse bastarmi
per sentirmi vivo
un così piccolo
squarcio d’infinito.
Guardami padre
si estende oltre la notte
il mio inventario di stelle
dove il tuo sguardo
distratto
non riesce più a contarle.
Ho già bevuto
dal vostro calice di compassione
spezzato il pane della misericordia
versato il vino amaro che da la vita
inchiodato
a questa croce
spettatore senza occhi
per vedere oltre il dolore
spalancato
di questa zona d’ombra
manichino immobile
segno dimenticato
tra le pagine insensate
di questa violenza
fatta di lacrime e d’amore
attore disarmato
senza mani per toccarti.
Stringimi forte
padre
e chiudimi gli occhi
regalami l’abbraccio
che avrei voluto darti
e non ti ho dato mai.
Lasciami libero
lasciami andare
a inseguire il miracolo.
Dentro di me
lontano da me
ho visto il bagliore
di un giorno senza fine
non c’è pensiero
che imprigioni il fulmine
ma chi ha visto la luce
non se ne priva
come una poesia
che resta viva
nella memoria
appena intuita.
Chiudimi gli occhi padre
regalami la vita.

PRG




“Imposizioni” religiose chiarite di Adrian(a)naga ieo
28 Set 2006 ore 22:03

Niente di serio, Maurilio...per rispondere con una battuta al messaggio di Teo, dal quale ero partita: il mondo cattolico che ha preso posizione sulla questione eutanasia, ha alzato il vessillo biblico rendendo pubbliche le motivazioni che, appunto, prese dalla Bibbia, rendono sacra ed intoccabile la vita umana...come del resto ho espresso nel mio commento precedente. ma proprio a te lo devo spiegare? E’ chiaro che io non le ritengo imposizioni...piuttosto...guide!



Re: Sarò breve di maurilio33
28 Set 2006 ore 11:06

Adriana cosa intendi per imposizioni religiose....spiegami meglio non riesco a capirlo.....



Sarò breve di Adrian(a)naga ieo
27 Set 2006 ore 23:37

Poichè in questi giorni siamo letteralmente bombardati dai pensieri di tutti riguardo la questione eutanasia (e critico i media, -che da un lato spettacolarizzano il diritto del malato di esprimere la propria opinione, facendo caso da baraccone il malato a letto che con un filo di voce racconta della sua malattia e della sua voglia di vivere - e dall’altro portano alla ribalta una questione sulla quale si discute da anni, come se fosse l’ultima trovata moderna), anche io dico la mia: la vita, sì, è la nostra e noi la gestiamo come vogliamo, ma il dono della vita (che è diverso), non è nostro...è stralogoro ripeterlo, ma affidiamoci nelle mani di chi ci ha concesso questo immenso dono: anche nella sofferenza, la più estrema, c’è un significatao che nessuno può comprendere, un percorso che ci porterà alla santità e che ci farà apprezzare maggiormente la pace nella quale, un giorno che nessuno si aspetta, ci ritroveremo. Viva le giuste “imposizioni” religiose che ci guidano!



<nessun titolo> di teo
27 Set 2006 ore 00:08

Dolce morte. Parola dietro cui ci sono situazioni difficili e non solo per le motivazioni etiche: arrendersi alla malattia o combatterla fino all’ultimo?
Credo che sia importante lasciare libertà di coscienza (al malato o a chi ha la pesante responsabilità di farne le veci) senza imposizioni religiose o ideologiche. Sarebbe giusto avere una legge in tal senso.



Libertà di Cavaliere
26 Set 2006 ore 18:24

difficile da valutare, non è una domanda a cui è facile dare una risposta sensata, ognuno la pensa differentemente, solo chi ci passa può capire. Cmq in generale io credo che ognuno di noi debba essere libero di decidere il proprio destino.
Ciao a tutti e a presto!






Re: si bella domanda di maurilio33
26 Set 2006 ore 12:19

.....certo non è facile rispondere....però non posso fare a meno di ricordare che la proclamazione dell’utanasia fu l’anticamera dei campi di concentramento nazisti.......quindi sè è vero che la “storia dà torto e dà ragione”.....una certa idea a proposito bisogna averla.....
comunque io sono contrario..............almeno credo di esserlo!



Cavolacci di Ales
26 Set 2006 ore 12:06

... cavolo che domanda. Qualunque cosa direi potrebbe essere ribaltata dagli eventi.



Re: caspita! di Zio Santy
26 Set 2006 ore 10:19

Difficile da rispondere, bisogna esserci coinvolti!



mizzica! di enneerre
26 Set 2006 ore 09:55

bella domanda!





Copyright (c)2006-2020 - Brolesi.it - Tutti i diritti riservati