Home Page Brolo Suggerimenti Segnala Brolesi ad un amico Contattaci Chi siamo
Nome Utente:
Password:

    Home Page
    Bacheca
    Il Muretto
    Articoli
          leziioni di balli carai...
          leziioni di balli carai...
          le interviste di sgna...
          stazione fs di brolo
    Appuntamenti
    Cronaca Locale
    Cerca nel Sito
    Recensioni
    Profili Personali
    Photo Blog
    Brolesi nel mondo
    Siti Segnalati
    News
    F.A.Q.
    Scambio Banner
    Pagine Dinamiche
          Detti Siciliani
          Elezioni 2007
          Estate 2008


Un sito al giorno  Un sito al giorno....



Hai un sito personale? Un blog? O anche un sito che ti piace e che vuoi far conoscere ad altri?

Segnalacelo!


    






 



Giustizia, non giustizialismo!

Il muretto è collegato all'articolo Giustizia, non giustizialismo!.

“Trovata donna in stato di coma vicino una stazione della metropolitana di Roma”
“Fermato Rom per aver seviziato e massacrato la donna di Roma”
“Il governo vara le nove misure contro gli immigrati comunitari pericolosi per la sicurezza”
“Spedizione punitiva contro i Rom a Roma”
“I Rom: «Non paghino tutti le colpe di uno solo»”
“Ai funerali di Giovanna:«Bisogna resistere al male, come lei»”

Sono questi alcuni dei titoli (un po’ parafrasati) di giornali e telegiornali di questi ultimi giorni! Stiamo assistendo ad una escalation di violenza ed intolleranza.

Cosa sta succendendo in Italia? E nella nostra piccola comunità paesana come stanno le cose? Sappiamo non lasciarci condizionare da quello che i TG (forse per cavalcare l’onda emootiva) ci sbattono in faccia?


Personalmente non sono intollerante, ma nemmeno tollerante a priori. Mi spiego. Ritengo che l’accoglienza debba essere alla base della società italiana (ed a mio avviso questa accoglienza c’è, anche se spesso l’onda emotivo tende a celarla), però sono consapevole che l’integrazione è bidirezionale. Da una parte l’Italia deve fornire gli strumenti per l’integrazione (che non significa solo dare loro un campo per insediarsi), ma d’altra parte loro devo avere la voglia di integrarsi e la capacità di isolare i delinquenti (presenti in tutte le società), come ha avuto il coraggio di fare la donna rumena (anch’essa Rom) e che ora vive sotto scorta per paura che i suoi connazionali (come sempre alcuni, non tutti sia chiaro) si vendichino (pazzesco che debba aver paura per aver fatto il proprio dovere di cittadina).
La Romania è oggi un paese membro dell’Unione Europea, e questo da una parte è un fatto positivo ed una ricchezza, ma dall’altra ha permesso un esodo incontrollato verso i paesi economicamente più forti (tra i quali l’Italia per i Rumeni), senza però considerare se quel paese è in grado di accogliere tutte queste persone in una volta. Inoltre, ritengo, che i primi a “fuggire” dai propri paesi sono quelli che hanno problemi con la giustizia locale, illusi (forse anche per colpa dell’immagine che l’Italia da di sé all’estero, non so) di una impunità mascherata nel nomadismo e delle condizioni di vita in cui decidono di nascondersi, anche confidando sulla solidarietà sociale dei propri connazionali.
Cercando di non limitare le libertà dei cittadini europei, lo Stato Italiano (ma non da solo, perché il problema deve essere Europeo, non solo Italiano) deve saper isolare i violenti, i delinquenti, tutti coloro che non sono venuti in Italia per lavorare (e purtroppo sono tanti e fanno molto rumore… apparendo ancora di più) per prendere le dovute contromisure. Se lo Stato non sarà in grado di far ciò, purtroppo, ci saranno sempre gruppi di cittadini poco propensi all’accoglienza del diverso, pronti a coprirsi il volto e dotarsi di spranghe per farsi giustizialismo da sé!
Ovviamente accanto allo Stato, anche le realtà sociali e civili Italiane (e quindi i singoli cittadini) devono fare la loro parte.

Moderatore: GiM

Il muretto appartiene alla categoria Collegati ad Articoli

Il muretto è stato visitato 1207 volte
Entra elenco sezioni...
Re: accoglienza moderata di Alekos
4 Nov 2007 ore 15:05

Gim è ovvio:
chi delinque deve pagare la propria pena. O fare un percorso di riabilitazione (nei casi in cui è possibile).



Re: accoglienza moderata di GiM
4 Nov 2007 ore 01:11

Ti pongo una domanda insidiosa (ovviamente la risposta è aperta a tutti): ma se ad espatriare sono i delinquenti? Loro non sono interessati ad un lavoro, ma solamente a fuggire dalla loro terra. Come dobbiamo comportarci nei loro riguardi? Perchè credo la questione sia questa: come comportarsi con chi viene in Italia a delinquere? Io sono per il polso duro con questi signori!



accoglienza moderata di Alekos
4 Nov 2007 ore 01:01

Io sn convinto che si stiano facendo molti errori e per lo più, a sbagliare, è il mondo mediatco.
Da tempo qui a Roma si vive con una continua campagna mediatica contro i rom.
Ma chi sono i rom? sono Rumeni? sono dell’est europa? e poi che differenza c’è tra rom e zingari?
Ste cose i giornali non le dicono (almeno non tutti) e si limitano a buttare dentro lo stesso calderone tutti.
Addirittura c’è chi dice di rimpatriare tutti i disoccupati in Romania...
Io a gennaio (con molta probabilità) sarò disoccupato... che ci devo andare a fare in Romania?
L’altra mattina alla stazione di Brolo ho sentito parlare dei “signori” contro i rumeni dicendo che la loro crudeltà è insita nella loro cultura... a me, in quel momento, è venuto in mente il piccolo Di Matteo, un bambino di 8 anni ammazzato e poi sciolto nell’acido da dei miei conterranei... questa è civiltà? Non credo, allora debbo pensare che anche noi siciliani abbiamo nella nostra cultura questa crudeltà e forse sarebbe il caso che anche noi fossimo deportati.
La questione dei romeni è annosa e mai ci si è interessati seriamente ad affrontarla. Credo che il primo passo da fare sia un lavoro in concomitanza col governo romeno per eliminare il problema alla base, ovvero creare risorse tali (in Romania) perchè non ci sia bisogno di emigrare da quel paese.





Copyright (c)2006-2020 - Brolesi.it - Tutti i diritti riservati