Home Page Brolo Suggerimenti Segnala Brolesi ad un amico Contattaci Chi siamo
Nome Utente:
Password:

    Home Page
    Bacheca
    Il Muretto
    Articoli
          leziioni di balli carai...
          leziioni di balli carai...
          le interviste di sgna...
          stazione fs di brolo
    Appuntamenti
    Cronaca Locale
    Cerca nel Sito
    Recensioni
    Profili Personali
    Photo Blog
    Brolesi nel mondo
    Siti Segnalati
    News
    F.A.Q.
    Scambio Banner
    Pagine Dinamiche
          Detti Siciliani
          Elezioni 2007
          Estate 2008


Un sito al giorno  Un sito al giorno....



Hai un sito personale? Un blog? O anche un sito che ti piace e che vuoi far conoscere ad altri?

Segnalacelo!


    






 



Recensioni
In attesa di una pagina dedicata del sito, apro qui la sezione delle recensioni. Dite la vostra sull’ultimo libro, l’ultimo film, l’ultimo cd,... O anche fateci sapere quali sono i “must”, i capolavori imperdibili che nessuno può ignorare!

Moderatore: teo

Il muretto appartiene alla categoria Generici

Il muretto è stato visitato 725 volte
Entra elenco sezioni...
Marie Antoinette di S. Coppola di teo
7 Dic 2006 ore 01:36

Un ritratto della donna Maria Antonietta (con poca attenzione alla regina di Francia)

Andando a vedere questo film ti aspetti una biografia della regina, magari meno stucchevole dei soliti film ambientati nell’ottocento. Invece ti ritrovi un film sicuramente poco stucchevole ma non una biografia della regina di Francia.
La regista infatti è interessata alla ragazza e alla donna Maria Antonietta, costretta in giovane età a lasciare la sua terra e sottomettersi alle claustrofobiche regole di Versailles.
L’aspetto migliore del film è sicuramente la ricostruzione delle atmosfere di Versailles: il lusso esagerato della corte insieme all’inconsueta colonna sonora rock fanno capire bene ad un contemporaneo l’ambiente in cui viveva la giovane donna. Tuttavia l’eccessiva attenzione alla protagonista, seguita con bravura dalla regista sia nella rigidità dei rituali di corte che nella frenesia delle feste, fa perdere di vista molti elementi che restano sullo sfondo della storia della regina e invece ne dovrebbero far parte. Per questo restano appesi i molti sintomi della rivoluzione imminente che qua e là compaiono.

Alla fine la sensazione è di un film un po’ frammmentario, che oscilla tra la commedia e il film d’autore, dove il talento sicuramente presente della regista poteva essere usato meglio lavorando di più sulla sceneggiatura.



Re: Scoop di W. Allen di black mamba
2 Nov 2006 ore 23:27

pur concordando con la bellezza del film e la bravura d Allen...mi pare che teo hai un po’ esagerato...
La Johansson è molto brava ma da qui a definirla musa di Allen ne passa, anche perché se la sarebbe gia sposata. Ma soprattutto mi dispiace doverti dire che è meglio che t riguardi qualcuno dei film con Grace Kelly, es. caccia al ladro, prima di paragonarla...ok che è brava ma mi sa che te sei preso una cotta per la Scarlett.
E cmq c’è anche quel gran bel pezzo di attore di Hugh Jackman, anche se magari qui non mostra tutta la sua bravura ma che sicuramente merita almeno una citazione, che tu non hai fatto...sarà forse la gelosia a farti tacere????



Scoop di W. Allen di teo
2 Nov 2006 ore 19:27

Woody Allen ha trovato la sua musa.
Grazie a Scarlett Johansson, il regista ha trovato in Scoop quell’equilibrio che spesso in passato non aveva raggiunto tra la sua straordinaria vena artistica, che lo porta a realizzare diversi film all’anno, e le fissazioni e le nevrosi che lo contraddistinguono e talvolta rendono pesanti e ripetitivi i suoi film.

Il film è un simpatico giallo diretto con la consetua maestria, strizzando l’occhio al maestro Hitchcook senza dimenticare i suoi stessi precedenti.
Seppur non eccezzionale come trama (una commedia giallo-romantica abbastanza comune dove l’investigatrice si innnamora del sospettato con colpo di scena finale), il film scorre deliziosamente grazie all’inconfondibile stile di Woody Allen ed alla presenza della Johansonn che illumina lo schermo ricordando la figura di Grace Kelly dei film di Alfred Hitchcook.

Ed alla fine proprio il personaggio di Sandra-Scarlett permette al film di mantenere quell’equilibrio tra la commedia romantica, il giallo, e le digressioni comico-nevrotiche del mago Splendini (Allen stesso, che dissemina il film di stupide battute sugli inglesi e bassi doppi sensi) intrattenendo piacevolmente gli spettatori per tutta la durata del film.




un film di Ales
31 Ago 2006 ore 16:50

Vorrei segnalare il film “Un sogno per domani” di Mimi Leder (titolo originale Pay It Forward), andato in onda ieri in prima serata su Canale 5, tratto da un romanzo di Catherine Ryan Hyde. Racconta di come una specie di “Catena di Sant’Antonio” (e questa è altamente positiva), nata da un compito in classe, permette di diffondere in quasi la metà degli Stati Uniti gesti di bontà.
[Ales]



Re: un DVD di Adrian(a)naga ieo
27 Ago 2006 ore 14:44

Ottimo spettacolo in DVD, quello proposto da Alekos! Ho avuto anche io la possibilità di vedere e stimare Marco Paolini (in terza serata su RAI3 [chissà perchè questi spettacoli li programmano sempre a notte fonda... o forse il perchè si sa...NO COMMENT!], e questo spettacolo, come molti altri suoi, non posson che ricevere la lode.
Non solo la Strage di Ustica, ma molti altri “fattacci” della storia italiana sono ancora celati da un velo di incertezze che li avvolgono, o perchè veramente le indagini spesso son ferme o non posson andar avanti, o perchè...quel velo qualcuno lo vuola lasciare lì.
Il fulcro di tutto lo spettacolo di Paolini è in questo particolare.
Rinnovo il consiglio nell’invitarvi a cercare, anche su internet, quel video.

“Come si può sperare che la verità nascosta in quel mare non venga mai a galla?” (Paolini, dallo spettacolo)



un libro di Ales
25 Ago 2006 ore 14:44

Vorrei segnalare il libro “Il ragazzo sbagliato” di Russell Willy edito dalla Rizzoli: la storia di come un semplice malinteso, può trasformare la socialità di un ragazzino, portandola al rifiuto di coloro che lo circondano.






un DVD di Alekos
12 Ago 2006 ore 02:33

volendo venire incontro a Teodoro, vorrei dirgli (anzitutto che ho trovato il coinquilino) che un DVD da non perdere è “I-TIGI racconto per Ustica” di Marco Paolini. Ho avuto la possibilità di vederlo l’altra sera ed è veramente fatto bene.
Vi spiego in sintesi cos’è:
è un monologo teatrale che racconta i fatti legati alla “strage” del DC9 ITAVIA caduto nei pressi di Ustica nel 1980. La bravura dell’attore/autore (Marco Paolini) è quella di mettere in evidenza tutte le incongruenze emerse dalle indagini. Arrivato alla conclusione lui non da alcuna risposta ai molteplici dubbi che pone, non da una sua versione dei fatti chiede soltanto quanto tempo dovrà ancora passare perchè i parenti delle vittime abbiano una risposta che sia una su quanto è accaduto quella notte.





Copyright (c)2006-2020 - Brolesi.it - Tutti i diritti riservati